Come usare lo zenzero: 5 modi che probabilmente non conosci

Sai che si sono svariati modi su come usare lo zenzero? Ecco quello che ti spiego in questo articolo, 5 super-consigli che mi hanno aiutata in più di una occasione a risolvere qualche problemino.

47
Come usare lo zenzero
Come usare lo zenzero

Lo troviamo sugli scaffali dei supermercati nell’angolo ortofrutticolo, ridotto in polvere e confezionato in barattolini di vetro sotto forma di spezia o come ingrediente di tisane e prodotti fitoterapici… ma se anche tu ti sei chiesta “come usare lo zenzero” qui sei nella pagina giusta, continua a leggere perchè ho qualcosa di interessante, sullo zenzero, da dirti.

Siamo abituate a vedere lo zenzero ( in inglese ginger) protagonista delle festività natalizie grazie ai tipici biscotti sagomati che, dall’Inghilterra e dagli USA, sono arrivati anche sulle nostre tavole.

Lo zenzero gode di tantissime proprietà curative; è tradizionalmente usato come digestivo e amaro-tonico.

Ma in quali modalità lo possiamo utilizzare per gustarne il sapore pungente o approfittare delle sue incredibili e numerose qualità di questa famosissima radice originaria dell’Estremo Oriente … ora te lo spiego!

Sapevi, ad esempio, che è in grado di lenire le scottature della pelle?

O che può aiutarti tantissimo se soffri di dolori mestruali?

E se ti dicessi che può anche rendere più piccante la tua vita sessuale?

Insomma, ecco come usare lo zenzero in 5 modi veramente sorprendenti che io stessa ho scoperto da poco e fatto miei!

1. Olio anti-scottature

Sicuramente uno dei modi su come usare lo zenzero è contro le scottature.

Come ti anticipavo, questa radice “miracolosa” ha davvero un’influenza benefica nei riguardi delle scottature della pelle: l’olio che si ricava dalla pianta, infatti, solitamente ottenuto per distillazione in corrente di vapore, è perfetto per decongestionare le zone dell’epidermide infiammate da una incauta esposizione solare o, piuttosto, da un incidente correlato ad una vera e propria bruciatura.

Ma, se non te la cavi bene con il fai-da-te, o se dovessi avere un’impellenza che non ti consenta di attendere il tempo giusto per realizzare l’estratto, può esserti utile sapere che persino lo zenzero affettato e poggiato direttamente sulla parte interessata può davvero dare risultati insperati in questi casi.

Un motivo in più per averne sempre una piccola scorta a disposizione!

♥ Leggi anche: Come curare le scottature da sole con 10 rimedi naturali

2. Usare lo zenzero come afrodisiaco maschile

Altro che pillola blu!

Lo zenzero viene definito “il viagra naturale” grazie alle sue qualità afrodisiache, particolarmente intercettate dai maschietti: il segreto sta nel fatto che riesce a rendere più voluminosa la circolazione sanguigna e, di conseguenza, fa in modo che tutti gli organi del corpo vengano maggiormente irrorati di sangue (ed ossigeno); ecco perché questa spezia, con il suo sapore piccante e quel particolarissimo retrogusto di limone, si ritrova spesso come ingrediente di saporite cene di San Valentino.

3. Usare lo zenzero per combatte i dolori mestruali

Se anche tu appartieni alla schiera di donne che soffrono di dolori mestruali costanti e invalidanti, da sempre e senza speranza di salvezza a meno di farmaci mirati, sappi che c’è una soluzione tutta naturale che non comprende controindicazioni.

Appunto, il nostro amico zenzero.

Una tisana o anche impacchi diretti sull’addome e sul basso ventre a base di questa radice sono entrambe strategie perfette per combattere questo malessere che affligge moltissime di noi sin dal primo ciclo e che contamina anche tanti aspetti dell’umore, della vita quotidiana e persino del rendimento sul lavoro.

♥ Leggi anche: Come depurare l’organismo dai metalli pesanti

4.  Attenua la nausea in gravidanza

Voglio mettere l’accento su questo quarto consiglio su come usare lo zenzero perché lo ritengo particolarmente importante.

Sappiamo tutte quanto sia sconsigliato assumere farmaci o persino alcuni integratori durante la gravidanza, poiché tutto quello che si ingerisce diventa, automaticamente, anche nutrimento per il piccolo che portiamo in grembo.

Moltissime neo-mamme, però, durante i 9 mesi che precedono il parto, sperimentano una nausea veramente atroce e difficile da gestire; ma, anche in questo contesto, lo zenzero può avere un ruolo primario nella risoluzione del problema.

Studi recenti, infatti, hanno chiarito come questa radice (aggiunta al tè o assunta anche al naturale, se il sapore piace) aiuti ad attenuare i sintomi della nausea senza esporre mamma e figlio ad alcun pericolo o effetti collaterali.

Ovviamente, consultare il medico prima di qualunque assunzione è sempre consigliato ma, in ogni caso, a meno di allergie già note o di particolari ipersensibilità, il ginger – come viene chiamato in Inghilterra – è l’alleato perfetto.

Zenzero disidratato senza zucchero a pezzi
Zenzero disidratato senza zucchero a pezzi
Sapevi che c’è una giovane start-up italiana: Italia Spezie specializzata nella commercializzazione di Frutta secca, disidratata, spezie e altri prodotti difficili da reperire sul mercato nazionale che vende anche lo zenzero disidrato senza zuccheri e conservanti aggiunti (così al naturale è davvero difficile da reperire). A dir poco fantastico, da provare!
Se ne hai bisogno lo puoi acquistare direttamente da qui

5. Stimola il sistema immunitario

Non è un segreto che lo zenzero sia stato utilizzato, in cucina e come rimedio fitoterapico, sin da tempi antichissimi.

E non è un caso che infusi a base di ginger venissero prescritti ai nostri avi per combattere febbre, influenza e raffreddore.

Questa radice, infatti, è una preziosissima alleata del nostro sistema immunitario: il suo alto contenuto di vitamine è il perno intorno al quale si appoggia quella buonissima bevanda invernale che è il tè caldo, aromatizzato allo zenzero, che viene spesso utilizzato proprio per prevenire e scongiurare i malanni di stagione quando le temperature cominciano a variare.

♥ Leggi anche: Alimenti antinfiammatori: questi sono quelli che funzionano

E se il mal di gola fosse già arrivato?

In quel caso basta mangiarne un pezzetto fresco, parola di “nonna”!