Come prevenire le allergie ai pollini

Soffri di allergie da pollini? Eccoti qualche accorgimento che può apparire insignificante ma che può invece esserti molto utile

Condividi "Come prevenire le allergie ai pollini" con i tuoi amici sarà utile anche a loro!

Attiva Disattiva

Come prevenire le allergie ai pollini

Come prevenire le allergie ai pollini

La maggior parte di noi attende la primavera perchè è una stagione solare, in cui in teoria s'intravede il bel tempo ed è la stagione dei fiori, ma per chi è allergico ai pollini è una vera tortura. Naso che cola, starnuti, occhi gonfi e lacrimanti, tosse, rinorrea, mal di testa etc... questi sono alcuni sintomi a cui, chi è allergico al polline, deve far fronte quando la natura si sveglia e fiorisce.
Fortunatamente esistono cure e specialisti che possono ridurre il fastidio ma già chi ne soffre, può alleviare il problema da sé, prevenendo che l'ondata di polline arrivi travolgendo e devastando la salute.
Qualche accorgimenti che può apparire insignificante può invece essere molto utile. Scopri quali sono questi consigli su come prevenire le allergie ai pollini.

 

  • Cosa serve
  • › Aspirapolvere
  • › calendario dei pollini
  • › mascherina
  • › filtro depurativo per l'aria

ecco come fare..

1

Calendario delle fioriture e meteo pollini

Una volta che abbiamo individuato, tramite i test, a quale tipo di polline siamo allergici, possiamo consultare il calendario delle fioriture per scoprire in quali mesi è meglio fare più attenzione, ovvero applicare i consigli che troverete di seguito. Ecco dunque il calendario:
GRAMINACEE: da aprile a giugno
PARIETARIA: da marzo ad ottobre
COMPOSITE o ASTERACEE: da luglio a settembre
BETULLACEE: da gennaio a maggio
OLEACEE:  da maggio a giugno
CUPRESSACEE (Cipresso):  da febbraio a fine marzo con possibili anticipi a gennaio o continuazioni fino ad aprile

Ricordiamo che la fioritura avviane prima in pianura e poi in montagna. In secondo luogo è interessante seguire il meteo dei pollini, che si può vedere anche in tv dopo il tradizionale meteo, che c'informa su quali saranno le giornate con prevalenza di polline a causa dei venti soprattutto.

 

2

Prevenire l'allergia da pollini

Individuato dunque il periodo in cui siamo maggior a rischio di sintomi allergici dobbiamo prendere alcuni accorgimenti.
1. Non fermarci in campi fioriti, aree verdi o in giardini, soprattutto non in una giornata di vento o subito dopo un temporale, perchè l'acqua frammenta i granuli di polline che sono ancor più facili da respirare;
2. Evitare di tenere aperte le finestre nelle ore più calde fra le 10 e le 16 ed occorre anche munirsi di condizionatore con filtro depurativo, in macchina e a casa. Inoltre è meglio non tenere troppo a lungo steso il bucato, specie se si ha un giardino.
3. Nell'arredamento interno occorre eliminare tutto ciò che può catturare polline e polvere quindi tende, tappeti, moquette e peluches, occorre inoltre lavare spesso i pavimenti ed utilizzare sempre l'aspirapolvere, inoltre occorre sbattere federe e lenzuola.
4. Dopo aver passato del tempo all'aperto è bene fare una doccia e lavarsi i capelli per rimuovere le tracce di polline. E' molto importante usare le mascherine, specie se si è costretti a passare molto tempo all'aperto.
 

 

3

Alimentazione: anche con l'alimentazione si può contrastare l'allergia ai pollini, perchè esiste un legame fra cibo ed istamina in cui l'uno veicola l'altro oppure accentua il problema. Ci sono dunque dei cibi da evitare e cibi invece consigliati. Fra i cibi da evitare troviamo: sgombro, aringa, sardina, tonno, formaggi fermentati e stagionati, carne in scatola, salumi e insaccati, crauti, spinaci, melanzane, pomodoro, ketchup, aceto di vino rosso, fragole, mirtillo rosso, ananas, spezie, frutta secca, cioccolato, liquirizia, conservanti alimentari (benzoati), papaia, agrumi, crostacei. Fra i cibi consigliati invece ci sono: cipolle, cibi ricchi di magnesio e vitamina C, l'alga wakame, il miso e le uova di quaglia.

 

Come prevenire le allergie ai pollini: Un consiglio!

Occorre farsi controllare da un allergologo ed in caso di sintomi sospetti occorre fare il prick test per accertare o escludere l'allergia ai pollini.

Heii aspetta! Ti va di contribuire?

Vogliamo rendere questa guida più utile e dettagliata possibile, se c'è qualcosa che vuoi aggiungere o correggere lo puoi fare compilando il form sotto il contributo sarà approvato con il tuo nome!

Proponi il tuo contributo!
Hai trovato utile questa semplice guida? - Twittalo come vuoi!
Dillo @risorseinrete
RISORSEINRETE.NET GUIDE SU COME FARE A..