›
  ›
  ›
 Cosa fare in caso di shock anafilattico

Condividi "Cosa fare in caso di shock anafilattico" con i tuoi amici sarā utile anche a loro!

Attiva Disattiva

Cosa fare in caso di shock anafilattico

Cosa fare in caso di shock anafilattico

Se nelle prossime vacanze intendete recarvi in qualche paese straniero, prima di pensare a cosa mettere in valigia date uno sguardo a quello che mangerete specie se soffrite di allergie alimentari.
In estate soprattutto le intolleranzi alimentari, le allergie, e quindi gli shock anafilattici sono dietro l'angolo; proprio perchè siamo tentati di gustare ogni nuovo cibo che ci viene proposto ignorando magari che possa contenee grandi quantità dell'alimento a cui siamo allergici. Un classico è la  Vendetta di Montezuma una reazione del nostro organismo ad un'alimentazione sconosciuta ma si risolve semplicemente ben più grave è lo shock anafilattico che può effettivamente colpirci anche a casa nostra in un qualsiasi ristorante.
E' capitato di sentire in tv diversi casi di shock anafilattico che hanno colpito sovente i bambini ebbene si può intervenire tempestivamente ma la miglior prevenzione resta lo scrupolo di far attenzione a cosa ingeriamo o ingeriscono i nostri figli. Da non dimenticare che lo shock anafilattico può presentarsi anche a causa di un morso o di una puntura d'insetto.
Ma se arriva lo shock anafilattico cosa fare? Vi veniamo in soccorso noi, continuate a leggere.

  • Cosa serve
  • › telefono
  • › siringa di adrenalina

ecco come fare..

1

Chiamiamo immediatamente un'ambulanza dando chiaramente i nostri dati, i dati di chi è stato colpito dallo shock e l'esatta posizione in cui ci troviamo. Quindi allentate tutti i vestiti comprese cravatte e cinture per favorire la respirazione della persona.

 

2

Se la persona ha perso conoscenza voltatela su un fianco o supina con le gambe sollevate e la testa voltata da un lato (se non sospettate lesioni alla colonna vertebrale) nella posizione di sicurezza in modo che le vie respiratorie rimangano libere, se è cosciente tranquillizatela. Se ha freddo cercate qualcosa con cui coprirla o che la tenga in caldo. In nessun caso dovete muovere se sospettate lesioni la persona o lasciare che si muova specie se non abbiamo assistito al malessere dunque non sappiamo se possa aver battuto la testa o meno.

 

3

Se è una persona conosciuta che ha precedenti di questa natura sappiamo dove tiene la siringa di adrenalina, nel caso si tratti di uno sconosciuto cerchiamo la siringa monodose che solitamente chi soffre di gravi patologie ha con sè. Se avete a disposizione una di queste siringhe dovete prendere l’iniettore con il pollice cercando di tenervi il più vicino possibile al tappo grigio di sicurezza. Invece con l'altra mano togliete subito il tappo grigio, quindi tenete l’iniettore a circa 10 cm di distanza dall’esterno coscia con la punta nera rivolta verso la gamba (l'altra gamba deve essere posizionata ad angolo retto sopra la coscia nella quale inietterete l'adrenalina questa posizione deve essete tenuta almeno dieci secondi). Dopo l'iniezione massaggiate la parte interessata.

 

Cosa fare in caso di shock anafilattico: Un consiglio!

E' fondamentale attenersi a queste istruzioni e non cercare d'improvvisarsi medici. Il paziente soggetto a shock anche se ha ricevuto la somministrazione dev'esser in tutti i casi portato in ospedale. Se si soffre di shock o allergie che degenerano in gravi crisi č sempre bene portare con se l'adrenalina. Si abbia cura di ripetere i test allergici e d'informare le persone che stanno con noi, nel caso in cui non ci conoscano bene, del nostro problema.

Heii aspetta! Ti va di contribuire?

Vogliamo rendere questa guida pių utile e dettagliata possibile, se c'č qualcosa che vuoi aggiungere o correggere lo puoi fare compilando il form sotto il contributo sarā approvato con il tuo nome!

Proponi il tuo contributo!
Hai trovato utile questa semplice guida? - Twittalo come vuoi!
Dillo @risorseinrete
RISORSEINRETE.NET GUIDE SU COME FARE A..